mercoledì 10 luglio 2013

Solari e... Fitocose Reviews

Ed ecco in ritardo il post di oggi. Sulla pagina Facebook ve lo avevo promesso per pomeriggio ma poi sono crollata in un sonnellino pomeridiano e riparatore, stanotte avevo dormito solo tre ore causa stress da esame.
Vi avevo chiesto l'argomento preferito e la risposta unanime è stata fitocose reviews. Per cui ho pensato di unire al post generale sui solari la recensione di quelli fitocose. Ve li divido in paragrafi così se volete saltare una parte è più semplice trovare l'altra.


SOLARI

EDIT: per un post più completo ed aggiornato cliccate qui.
Ndr: i dati tecnici che troverete sono presi dal forum di Lola 
Premessa: usate sempre un solare con un fattore di protezione adeguato. Tenete conto che va applicato prima di esporsi al sole e più volte nell'arco della giornata. Non è vero, oltre che stupido, che con il solare non ci si abbronza anzi quella che otterrete sarà più duratura. Inoltre non è vero nemmeno il "ma io non mi scotto non ho bisogno di protezione" perché la scottatura è solo il male minore e se pur dato il livello alto di melanina uno parte già scuro o si abbronza facilmente la sua pelle non protetta assorbe comunque i raggi nocivi del sole per cui, anche se nell'immediato non ha problemi, negli anni è più soggetto a inestetismi fisici come rughe e melasmi (macchie della pelle) fino ad arrivare a veri e propri danni come i melanomi (tumori).

In breve, i solari si dividono fra quelli con filtri chimici (o organici) e quelli con filtri fisici (o inorganici). I primi assorbono i raggi, i secondi li riflettono non facendoli penetrare nella pelle.
FILTRI CHIMICI: nell'ambito dell'ecobio sono rossi in quanto non naturali ed inoltre accumulandosi provocano danni ambientali. Al di là di questo la cosa più importante è ricordare che non tutti i filtri chimici sono fotostabili. Alcuni, detti fotoinstabili, subiscono trasformazioni strutturali che ne alterano le caratteristiche filtranti e quindi la capacità protettiva rilasciando diversi prodotti di degradazione di cui non è ancora provata la loro innocuità. Per cui pure nel caso di solari non bio controllate sempre la fotostabilità del filtro perché è la cosa più importante.
Per facilitare l'impresa vi lascio la lista, sempre presa dal forum di Lola, di quelli più comuni.


FILTRI CHIMICI FOTOSTABILI
1. Octocrylene : filtro UVB 
2. Mexoryl: 
 - Terephthalylidene Dicamphor Sulfonic Ac= Mexoryl SX - filtro UVA
 - Drometrizole Trisiloxane= Mexoryl XL - filtro UVB 
3. Tinosorb: 
 - Bis-Ethylhexyloxyphenyl Triazine = Tinosorb S filtro UVA e UVB 
 - Methyilene Bis-Benzotriazolyl Tetramethylbuthylphenol = Tinosorb M - filtro UVA e UVB 
4. Diethylhexyl Butamido Triazone: filtro UVA 
5. Ethylhexyl Triazone: filtro UVB 
6. Octyl methoxycinnamate = ethylhexyl methoxycinnamate filtro UVB, messo da solo in formula ancora regge in fotostabilità, ma se in co-presenza destabilizza l'avobenzone (vedi punto 1 dei filtri non fotostabili), il tutto si ristabilizza se sono presenti octocrylene e/o Mexoryl e Tinosorb. 
FILTRI CHIMICI NON FOTOSTABILI 
1. Butyl Methoxydibenzoylmethane: è l'avobenzone filtro UVA e parte UVB; è un filtro non fotostabile, è stabilizzato se in formula ci sono octocrylene e/o Mexoryl, Tinosorb, Diethylhexyl Syringylidene Malonate, Diethylhexyl 2,6-Naphthalate 
 2. Ethylhexyl Salycilate(potreste ancora trovare da qualche parte il fu octyl salicylate, vecchia denominazione, stessa sostanza): filtro UVB non fotostabile, si stabilizza in co-presenza con ethylhexyl triazone, tinosorb M o S, octocrylene, o mexoryl. 
          FILTRI CHIMICI "PROBLEMATICI": 
1. 4-Methylbenzyliden Camphor (4-MBC) : Filtro UVB parziale UVA, risulta fotostabile ma è sotto osservazione dalla Commissione Scientifica Europea dei prodotti al consumo (SCCP) in quanto ci sono rischi di tossicità; con recente parere del 2008 SCCP valuta questo filtro solare sicuro quando introdotto per un massimo del 4% esclusivamente in prodotti da spalmare sulla pelle, mentre non può escludere rischi per la salute quando presente in prodotti spray, aerosol, o ingeribili tipo stick labbra, rossetti.
Come il 4-Methylbenzyliden Camphor (4-MBC),anche i seguenti filtri sono sotto osservazione per possibile attività estrogena (rimane sempre valido il consiglio di lavarsi bene quando si torna dalla spiaggia)
 
2. Octyldimethyl-PABA (OD-PABA)  
3. Benzophenone-3(Bp-3) 
4. Homosalate (HMS) 
5. Octyl-Methoxycinnamate (OMC): pare che da solo non regga tanto bene in fotostabilità quindi è meglio trovarlo in co-presenza di ethylhexyl triazone, tinosorb M o S, octocrylene, o mexoryl. 

FILTRI FISICI: principalmente sono ossido di zinco (Zinc Oxide) e biossido di titanio (Titanium Dioxide). Possono essere micronizzati o rivestiti, qualora il rivestimento fosse di silicone non vengono più considerati ecocompatibili.
L'ossido di zinco normalmente serve per i raggi UVA, ne esiste un tipo da nanotecnologia che funziona bene anche per i UVB ma non essendo specificato nell'inci non si può capire quale zinco sia.
Il biossido di titanio serve principalmente per gli UVB. Di solito viene micronizzato per evitare di spalmarsi addosso un pastone troppo consistente e troppo bianco. Alcuni studi fanno sospettare che il micronizzato possa liberare radicali liberi, per ovviare andrebbe ricoperto oppure dovrebbe essere anche lui da nanotecnologia con aggiunta di manganese ma anche qua dall'inci non è possibile saperlo. Il mio consiglio è di scegliere solari che contengono antiossidanti in modo da contrastare l'eventuale formazione dei radicali liberi.

Un'ultima differenza è che i filtri fisici non hanno scadenza, nel tempo il livello di protezione si abbassa un po' ma si può usare tranquillamente finché il solare è buono, viceversa i filtri chimici hanno una durata di circa un anno per cui anche se la crema è ancora usabile quei filtri non proteggono più.

SOLARI BIO IN COMMERCIO: quasi tutti i solari bio in commercio contengono solo filtri fisici, tranne quello Bioearth che li contiene entrambi. Per cui risulta molto buono in caso di bambini ed in questo caso è da preferire la versione 50+ water resistant.


FITOCOSE REVIEW
Oggi vi parlo di due loro solari e precisamente la crema solare viso alla carota oil free-media protezione e il latte solare alla carota-alta protezione.




I dati dell'azienda li trovate in un vecchio post cliccando qua
Mentre i dati tecnici delle due creme come inci e descrizione qui: crema viso e latte solare.
CREMA SOLARE VISO: in questa crema il biossido di titanio è da nanotecnologia per cui non dovrebbe esserci problema per quanto riguarda i radicali liberi. La consiglio a tutte, io mi ci trovo benissimo. Considero molto importante proteggere in estate la pelle del viso dal sole anche se si rimane in città per cui la uso proprio come crema giorno ogni mattina. Si stende facilmente dato che è di consistenza cremosa, va massaggiata fino a completo assorbimento che avviene in fretta e ha un odore particolare, di solare, ma è lieve e una volta assorbito non si sente più. Ne va messa poca e così facendo non fa sudare né unge. Se devo trovargli un difetto questo è la capienza del barattolo. Proprio perché ne va poca lo trovo interminabile ed è un peccato sprecare prodotto. La presi all'inizio dell'estate scorsa, l'ho usata tutti i giorni per il periodo estivo e nelle foto, scattate oggi, potete vedere quanta ne ho ancora.
Se da voi fa particolarmente caldo consiglio di travasarne un po' un in vasetto più piccolo (anche quello dei loro campioncini va bene) e di tenere la confezione intera chiusa al frigo così sta fresca e non prende aria ogni giorno. Io l'ho tenuta in frigo solo nel periodo in cui non la utilizzavo.

Costa 6,88€ x 50 ml.





LATTE SOLARE CORPO: si spalma abbastanza facilmente, non mi lascia la patina bianca e non unge. Odore e colore sono molto simili a quella viso, la consistenza pure credo sia solo un filo più liquida ma proprio poco. Protegge molto bene, è spf 27, io sono fototipo 2 e di solito mi scotto molto facilmente. Con questa crema non ho avuto problemi e non li ha avuti nemmeno il mio fidanzato che l'ha usata anche lui. Non solo, sono riuscita pure a prendere un leggero colorito cosa per me molto rara. L'unico difetto che ha è il non essere resistente all'acqua, per cui va rispalmata sempre dopo una forte sudata o una rinfrescata/bagno. Per questo non la trovo indicata per i bambini. Se vi avanza conservatela in frigorifero.
Costa 6,88€ x 150 ml.

Protezione solare o Protezione solare "organic natural standard"?

La linea organic natural standard è nuova, uscì l'anno scorso. E' una linea colorata per cui trovate "color" nel nome dei prodotti; l'anno scorso ci furono problemi di macchie a costumi e asciugamani, facilmente risolvibili con un lavaggio. Io vi consiglio di prendere l'altra anche come protezione. Quando mi recai in sede a comprare i solari approfittai della presenza del Dott. Porto per avere un consiglio. Gli spiegai che sono un soggetto particolarmente sensibile al sole e lui mi incoraggiò a comprare la linea "vecchia" dicendomi che quella è una linea che conosce e che è usata ormai da anni, per cui era sicuro di potermela suggerire in totale tranquillità. Con l'altra, essendo appunto nuova e usata poco dai clienti e tenendo conto che i problemi emergono "sul campo", non poteva consigliarmela in modo così certo. Io seguì le sue parole e ne sono rimasta totalmente soddisfatta, per cui non posso fare altro che girarvele.

EDIT: ad oggi (08/2015) Fitocose prevede due linee: la nuova alla carota (con filtro in forma nano) e la "Sole Mio" (con filtro non in forma nano). Personalmente preferisco evitare le nanoparticelle per cui vi consiglierei la seconda.



Lily

"Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" Gandhi

12 commenti:

  1. Grazie! Precisa e preziosa come al solito :)

    RispondiElimina
  2. magnifico post!! utilissimo grazie :)
    io ormai da due anni uso i badger balm..ma sicuramente l'anno prox punterò su fitocose o bioearth! grazie!

    RispondiElimina
  3. Grazie mille per questo post splendido ed esaustivo!^-^ la crema viso oil-free mi ha sempre incuriosita...in effetti è un po' "tanta" :) però ci farò un pensierino :))))

    RispondiElimina
  4. Grazie per questa recensione! :)

    RispondiElimina
  5. Come sempre grazie a voi! :) spero vi siano utili!

    RispondiElimina
  6. molto carino il tuo blog :)
    ti và di passare nel mio?
    magari potremmo seguirci a vicenda,ti aspetto :)
    http://passioneperiltrucco.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, la prossima volta ti chiedo cortesemente di non lasciare spam, come scritto anche nel modulo dei commenti. Appena ho tempo passo sempre volentieri e di mia iniziativa a guardare i blog di chi mi commenta e se mi piace mi iscrivo. Per cui qua lo spam è totalmente inutile oltre che non gradito :)

      Elimina
  7. Volevo acquistarlo ma l'ho trovato sol out ovunque :( Sarà per l'anno prossimo! Grazie per le informazioni, molto dettagliate ;) Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si se si acquista online é sempre meglio muoversi con un pò di anticipo in questo caso! :)

      Elimina
  8. Quindi licia dura almeno due estati? Perché io vado molto.poco al mare/piscina...anche se la crema viso la userei tutti i giorni! È pesante?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si due estati di sicuro anzi credo proprio che non la finirò ed é un peccato perché non credo possa reggere fino alla prossima e così va buttato parecchio prodotto! Anchio al mare non sono andata ma l'anno scorso feci parecchia piscina, quest'anno non ancora ma é in programma, la uso comunque tutte le mattine. Su di me mettendone poca non é pesante, non unge né altro. ho la pelle normale nè grassa nè secca ma sensibile e con couperose :)

      Elimina
    2. Io l'ho sensibile e in estate normale...allora l'anno prossimo la prendo!

      Elimina

Grazie per il tuo commento, il vostro riscontro è molto prezioso! :D
Ti chiedo cortesemente di non lasciare spam e di usare un linguaggio consono ed educato. Tutti i commenti che non rispettano questi due punti verranno automaticamente cancellati.

 

Copyright @ 2013 Breakfast at Lily's.