lunedì 29 luglio 2013

[Prodotti ecobio] Quali sono le problematiche? Affrontiamole!

Rieccomi finalmente! Perdonate l'assenza, non ero in vacanza né altro, faceva semplicemente troppo caldo per accendere il pc. Inoltre ormai anche il mio cervello si rifiutava, vi basta sapere che ieri ordinando ho detto "vorrei una pizza alle margherite" invece di alle melanzane e che ormai non capivo più nemmeno cosa mi si diceva (mamma: "dov'è il mio cellulare?" io: "in giardino", avendo capito dov'è il mio cane). Potrei andare avanti ore a raccontarvi aneddoti simili ma il punto è che probabilmente avrei scritto post pieni di errori. 
Stamattina però un amato temporale ha riportato il fresco qua a Milano. Ancora non mi sembra vero: ci sono 27 gradi, si sta bene, si respira, l'afa è scomparsa....speriamo duri!

Lo spunto per questo post me l'ha dato MissHaul che sulla sua pagina facebook stamattina ha chiesto il perché non si compri o usi un prodotto bio. Sono quindi emerse le varie problematiche ad essi collegate e ho pensato di scrivere questo post per analizzarle insieme ma soprattutto per cercare di trovarvi rimedio.



In particolare sono emersi due punti: il loro costo elevato rispetto ai prodotti tradizionali e la loro reperibilità.
Per il discorso costo non mi trovate d'accordo. Esistono prodotti bio per ogni fascia di prezzo; come ad esempio nei normali prodotti di makeup trovate marche low cost come kiko o essence, medium cost come sephora e high cost come chanel, dior... così vale per i prodotti bio e, sempre nello stesso ambito, trovate brand economici come benecos fino ad arrivare a quelli più costosi come couleur caramel. 
Inoltre il costo di un prodotto ecobio viene ammortizzato in primis dalla loro durata, essendo prodotti concentrati -soprattutto quelli di detersione e cura del corpo- ne si usa meno e quindi durano di più, e in secondo luogo dai risultati ottenuti.
Da quando sono passata al bio spendo come prima, anzi per alcuni prodotti anche meno. E' vero però anche che sono molto fortunata perché qua fra supermercati e negozi bio riesco a trovare con facilità tutto l'occorrente e trovandolo in varietà posso anche permettermi di scegliere ciò che più mi piace o ciò che costa meno.

Il problema principale per me sta quindi nella reperibilità. Mi rendo conto che molti dei prodotti economici che uso al di fuori del nord Italia non si trovino. Capisco quanto questa problematica sia gravosa ma per me volere è potere.
Come si può fare?
Innanzitutto si può risolvere questo punto grazie all'aiuto degli ordini online. Qui l'ideale è partecipare a ordini cumulativi magari con gente della propria zona o organizzarsi nel tempo in modo da prendere tante cose insieme, non pagare le spese di spedizione e stare a posto per mesi. Conosco gente che fa due ordini all'anno uno in autunno e uno in primavera, ormai ha imparato cosa le serve nei mesi e riesce ad organizzarsi benissimo con questo metodo di scorte senza sprechi alcuni. E' ovvio che così facendo la somma finale dell'ordine è alta ma si hanno i mesi precedenti per mettere via la cifra pian piano. Ora questo è un caso limite ma utile per capire che volendo è fattibile.
Un'altro modo è accontentarsi di linee non prodotte da aziende biocertificate ma comunque dal buon inci facilmente reperibili nei supermercati, e ne trovo parecchi. Per aiutarsi a capire quali siano i prodotti validi utili sono il biodizionario e le ricerche in internet per trovare recensioni. Inoltre vi lascio l'elenco dei prodotti eco-bio eco-nomici tratto dal forum sai cosa ti spalmi, molto comodo ma poco aggiornato (mancano ad esempio i nuovi shampoo fructis puliti e brillanti colorati). Ovviamente se avete bisogno di qualche consiglio a riguardo potete scrivermi senza problemi.

Infine voglio aggiungere che sono molto ottimista e credo che sia solo questione di tempo affinché in tutta Italia si possa reperire prodotti bio facilmente. E' un commercio in forte espansione, tanto da far "adattare" molte multinazionali, molti supermercati stanno creando le proprie linee bio come una fra tutte la viviverde di coop, inoltre aprono sempre più negozi che trattano questi prodotti, è solo questione di tempo e il problema della reperibilità affievolirà da sé.




Lily

"Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" Gandhi

9 commenti:

  1. Puoi dirmi qualcosa in più degli shampoo fructis? grazieeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! :) mi riferisco a questi tre http://3.bp.blogspot.com/-gFGLDJC5-MI/UZ6Ri09vDMI/AAAAAAAAAA8/TYynv4A4nUA/s1600/VCHNG5Z.jpg
      Il rosso é per capelli normali al pompelmo rosa, il verde per capelli grassi al limone e l'arancio per capelli secchi al frutto della passione. Non sono bio ma non sono male come formulazione avevo guardato quello rosso e aveva 4 rossi: l'hexilene glycol, due coloranti e un inquinante. I tensioattivi per alcuni cute potrebbero risultare aggressivi ma insomma, sempre meglio di niente! Se si cerca uno shampoo economico e abbastanza buono e non si trova nient'altro di meglio è una valida soluzione :)

      Elimina
  2. Anche io sono ottimista e spero che la cosa si estenda piano piano a tutta l'Italia! Incrocio le pinne :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a tutta italia e...a tutti i mari :P

      Elimina
  3. Grazie Licia!!! Tu e Elenia mi state cambiando la vita!! Mi sto avvicinando anch'io al bio e devo dire che mi piace tanto!!!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma di che? è solo un piacere! e davvero per ogni dubbio o consiglio o richieste di aiuto per inci scrivimi pure! :)

      Elimina
  4. Mi è piaciuto molto questo post! Sono d'accordissimo con te! Il problema della reperibilità si risolverà pian piano! :)

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, il vostro riscontro è molto prezioso! :D
Ti chiedo cortesemente di non lasciare spam e di usare un linguaggio consono ed educato. Tutti i commenti che non rispettano questi due punti verranno automaticamente cancellati.

 

Copyright @ 2013 Breakfast at Lily's.