venerdì 7 giugno 2013

[Glossybox green] La mia esperienza fra carabinieri e rimborsi

La mia vicenda, o forse dovrei dire odissea, risale a marzo, visto che allora non avevo il blog ve la racconto adesso. 
Sono una di quelle persone a cui l'effetto sorpresa piace, per cui l'idea di avere una box da aprire e da scoprire mi attirava parecchio. Alla nascita della versione green visto il costo di 25 euro, ben 11 euro in più della box beauty, ho preferito aspettare di vedere prima come fosse e vista la box di dicembre decisi di abbonarmi per quella di febbraio.
Una volta arrivata vidi che conteneva come accessorio una manopola di zuccaluffa e come prodotti una gelatina full size di lush, un olio idratante full size da 10 ml di bioregit, un balsamo labbra sempre full size di argital e poi ben due campioncini gratuiti con la scritta vietata la vendita, precisamente un sapone intimo sempre argital e un kit sample di puravida bio.

A parte il discorso su lush, molte si lamentarono che non è una marca 100% green, la cosa che più mi lasciò perplessa furono i campioncini perché quando comprai la box la descrizione diceva "5 prodotti 100% green full size o deluxe size più un accessorio". I campioncini rientrano nel formato mini size che qua non veniva nominato. Per cui chiamo il servizio clienti per far presente la cosa e mi rispondono che non mi spettava nulla in quanto la box era a sorpresa e che inoltre non avevo diritto di recesso in quanto sono dieci giorni dalla prenotazione della box e non dalla sua ricezione per cui ormai erano passati. Le risposi che a me non risultava così e che se vendono un servizio con una descrizione che non corrisponde alla realtà a mio avviso era una truffa in quanto vendita non conforme, la centralinista allora mi rispose in modo arrogante che loro sapevano che erano nella ragione, se volevo di fare pure i miei passi che tanto non avrei ottenuto nulla.
Più per questa loro risposta che per i soldi pagati decisi di capire chi fosse nel torto e mi recai dai carabinieri con i vari stamp esponendo il fatto. Subito mi dissero che innanzitutto il diritto di recesso era 10 giorni dal ricevimento della merce, come pensavo, e che avevo ragione anche sul fatto che la descrizione e il servizio emesso non coincidevano. Fondai un gruppo su facebook per avvisare le altre ragazze che mi scrivevano interessate al risarcimento e grazie all'aiuto dei carabinieri e di un'associazione dei consumatori riuscimmo ad ottenere il rimborso totale del costo della box più le spese di spedizione a loro carico (inizialmente invece l'azienda ci rispose che ci avrebbero rimborsato solo se mandavamo indietro la box a nostre spese).
Poco dopo notai, con poco stupore, che la descrizione della box è cambiata. Ora riporta la frase "6 prodotti 100% green" senza specificare i formati per cui se anche dovessero arrivare solo campioncini credo che non si potrebbe fare molto.

Inoltre, a marzo ci fu la fiera Fa' la cosa giusta, dove parlando con il responsabile di un brand bio (che non nomino solo perché non sono stata autorizzata ufficialmente a farlo) uscì il discorso glossybox e mi chiese come mi ero trovata. Gli riportai la vicenda e le varie lamentele sulla pagina facebook e lui mi disse che anche loro non erano rimasti soddisfatti del servizio in quanto gli era stato detto che prima di inviare le box sarebbero stati avvisati e invece loro hanno scoperto solo da me sia che erano partite sia tutto il resto. Insomma, per questo e per anche altre piccole cose come una chiamata dove gli dissero che era cambiato ceo quando poi risultava sempre la stessa persona, non si erano trovati bene e, anche con altri brand (di cui mi fece il nome che non riporto per lo stesso motivo sopra), stavano seriamente pensando di non mandare più i loro prodotti. Mi disse che loro li mandano a glossybox gratuitamente e che dalla vendita delle box non prendono un centesimo, lo fanno solo per avere pubblicità e per far provare alla gente i loro prodotti sperando poi in un riscontro positivo che finisce in una compravendita. Ma se molte sono scontente del servizio questa scontentezza può ricadere anche sui brand partecipanti e quindi il gioco può non valere la candela.

Ora, vedendo i primi spoiler della glossybox green di maggio, come sempre in ritardo e contenente vari mini size, mi ritengo contenta di non aver ceduto, forte di questa esperienza pessima, alle numerose email di sconto arrivatemi. Ero convinta che dopo i rimborsi di marzo questa box sarebbe stata all'altezza delle aspettative almeno quanto la prima uscita invece in molte si dichiarano ancora una volta deluse e non soddisfatte. E' davvero un peccato, viste anche le box green straniere. Spero che il team, oltre a ringraziare per i feedback, riesca davvero a raggiungere l'obiettivo di offrire una box bella e di alta qualità, una box che meriti finalmente la fiducia e la fedeltà delle sue affiliate.


Lily

"Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" Gandhi

9 commenti:

  1. hai fatto bene a denunciarli..questi furboni..non ho parole
    ho visto la box green del mese di maggio ed è una schifezza totale, peggio di tutte le altre

    un bacione cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, anche se in realtá non fu una vera e propria denuncia. Esposi solo i fatti e loro insieme all'associazione ci consigliavano sul da farsi, ad esempio su cosa e come scrivere per ottenere il rimborso. Ed è bastato per fortuna.

      Elimina
  2. ciao!!! Finalmente ho scoperto il tuo blog! Comunque ne abbiamo già parlato oggi sul forum. Hai fatto benissimo! €25 sono parecchi soldi! La fregatura di questo mese è lampante!!! Veramente da denuncia!!baciii

    RispondiElimina
  3. Preciso che il mio post riguarda solo la box green di marzo essendo l'unica su cui posso parlare in quanto l'unica che ho comprato.
    Per quanto riguarda quella di questo mese non si può parlare di fregatura perchè, come dicevo su e come dicevamo oggi la descrizione ora parla solo di 6 prodotti green non cita i formati, per cui fondamentalmente uno ha pagato per quelli e quelli c'erano.
    Noto invece che la box beauty è stata un successo, mi spiace molto che le green non siano della stessa fattezza perchè il bio é un settore in espansione ed inoltre è l'unica box attualmente sul mercato.
    Forse basterebbe semplicemente abbassare il costo della green a quella della normale box beauty perchè è chiaro che per 25 euro rispetto a 14 uno si aspetta molto di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però chi è abbonato dalla prima box green nel momento in cui ha stipulato l'abbonamento lo ha fatto ad altre condizioni. E non è stato avvisato!
      Inoltre comunque nelle box non ci sono prodotti 100% verdi!

      Elimina
    2. Su questo ti do ragione!

      Elimina
  4. la Glossybox green è potenzialmente una bella iniziativa che però non è stata gestita bene. Mi dispiace per le aziende che mandano i prodotti gratis (non lo sapevo!) pensando che avranno riscontro mentre loro si intascano ben 25€ infischiandosene se i clienti ci rimangono male e fanno cattiva pubblicità (di riflesso anche alle aziende che propongono)

    se avevo una mezza idea di provare l'abbonamento a questa Green mi hai fatto desistere, e non posso che ringraziarti! Fai benissimo a condividere la tua esperienza, potrà essere di aiuto a tanta gente che magari non sa come muoversi per difendersi come consumatori!

    RispondiElimina
  5. Ho appena letto sulla loro pagina facebook che stanno rimborsando chi non è rimasto soddisfatto e vuole fare il reso! Meno male direi!

    RispondiElimina
  6. Grandeee Liciaaaa!!!! Hai pienamente ragione!!!!
    <3

    Miky BlueMakeUp!! :*

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, il vostro riscontro è molto prezioso! :D
Ti chiedo cortesemente di non lasciare spam e di usare un linguaggio consono ed educato. Tutti i commenti che non rispettano questi due punti verranno automaticamente cancellati.

 

Copyright @ 2013 Breakfast at Lily's.