mercoledì 17 febbraio 2016

Arrivederci, miei amati capelli

Ultimamente ho seri problemi con la connessione internet ma spero di riuscire a pubblicare questo veloce post per comunicarvi una news.
Avete presente la mia folta e bella chioma? Ricordate i miei lunghi capelli vero?
Ecco, bene...non ci sono più!



Qualche tempo fa ho scoperto l'esistenza di associazioni che, in cambio di capelli veri, donano parrucche inorganiche ai pazienti oncologici che non possono permettersi di acquistarne una. Mi è sembrata fin da subito una bellissima iniziativa! Quanti capelli vengono buttati ogni giorno nei grandi e piccoli saloni di bellezza, senza fermarsi a riflettere che proprio quei capelli possono rivelarsi un aiuto non da poco per chi è costretto ad affrontare ogni giorno un brutto male. Quanti sorrisi potrebbero regalare!
Ho deciso subito che, quando mi sarei decisa a tagliare, avrei partecipato anch'io. Sinceramente però non credevo che questo momento sarebbe arrivato presto. Ho sempre amato alla follia i miei capelli, l'unica parte di me che mi è sempre piaciuta. Non pensavo che li avrei tagliati almeno per qualche anno ancora. Dai, come potevo? Erano così belli! Senza contare che ormai erano parte di me, anzi erano la mia particolarità!


Nel frattempo però nella mia vita è successa una cosa: FINALMENTE ho avuto il coraggio di mollare una situazione che mi faceva stare male, in cui ero letteralmente bloccata da tempo. Non riuscivo a superare l'ostacolo ma non volevo nemmeno mollare. Insomma, fra la paura di un passo simile e la mia cocciutaggine questa situazione è andata avanti molto tempo, troppo direi. Poi ce l'ho fatta, ho deciso di lasciare andare e rincominciare. E' stata una decisione molto sofferta ma ora sono felicissima di averla presa, per me è stato come togliere un enorme peso, come uscire da un limbo in cui mi ero ficcata da sola. L'unica cosa di cui mi pento e di non aver avuto il coraggio di prendere questa decisione prima e di avere quindi perso 6 anni della mia vita. 
Questa cosa mi ha fatto riflettere e la mia mente ha cominciato a creare analogie con i capelli. Anche loro non li tagliavo da 6 anni, anche loro rappresentavo una cosa (sebbene positiva) che non volevo lasciare andare. Per cui li ho presi come simbolo: così come ho deciso di dare un taglio a quella situazione, potevo dare un taglio anche a loro. Il nuovo taglio per me rappresenta proprio questo: l'uscita dal limbo e la mia nuova occasione!

Per cui ormai la decisione era presa, un po' intimidita ma convinta dovevo solo decidere che taglio fare. Dopo moooolte riflessioni ho scelto un bob lungo asimmetrico, in una lunghezza tale da poter esser legato (cosa per me di vitale importanza). Un taglio medio insomma, il giusto compromesso fra il corto e il lungo.

Scusate l'illuminazione non ottimale

Ho tagliato via più di 30 cm, raccolti in una treccia come da indicazione per poter esser raccolti e spediti in modo pratico.



Che dire, il cambiamento è stato notevole! Riguardare la mia trecciona fa un certo effetto ma ad oggi non ne sono pentita, anzi. 


Ho solo un timore: riuscirò a fare uscire una piega decente o me ne andrò in giro come Jennifer Aniston in questa infelice immagine?


O peggio, come il Re di Cuori di Alice nel paese delle meraviglie?


Lo scopriremo solo vivendo! Per il momento sono felice del mio nuovo taglio e che i miei capelli possano contribuire a dare un sorriso a chi ne ha più bisogno.


Nel caso anche voi vogliate donare una ciocca o più dei vostri capelli vi lascio i riferimenti delle due associazioni che si occupano di portare avanti questo progetto (ndr: nelle mie ricerche ho trovato queste due, se ne conoscete altre fatemelo sapere)
Un angelo per Capello, sito web e pagina Facebook
Banca dei Capelli, sito web e pagina Facebook
Cliccando sui riferimenti troverete tutte le informazioni necessarie, se avete domande potete naturalmente anche chiedermele qui sotto. Dove so rispondo più che volentieri.


giovedì 28 gennaio 2016

[Review] Alla scoperta di Nonique

Qualche mese fa sono stata contattata da Deborah di Primo Bio per una proposta di collaborazione.
Primo Bio è il distributore ufficiale italiano del brand Nonique, in pratica sono loro che vendono i prodotti in questione sia ai privati che ai negozianti. Prima del suo contatto non conoscevo questi prodotti per cui sono stata ben felice di poter provare qualcosa. Come per tutte le collaborazioni che vedete in questo blog non mi è stato imposto nulla, né in termini di tempistiche né di contenuto. Quello che leggete in questa review è pertanto la mia vera opinione e anche l'azienda la legge per la prima volta qui come voi.

Fatte le dovute premesse, dopo l'email di Deborah mi sono subito informata su questo brand ed ho scoperto varie cose interessanti.
Partirei dal nome; Nonique unisce il nome di una pianta alla congiunzione latina -que, usata principalmente per mettere in correlazione due termini. Il nome quindi mira a unire la pianta del Noni al resto della sua filosofia ecobio: ingredienti biocertificati e vegani; packaging riciclato, riciclabile e biodegradabile; grande attenzione alla tematica dell'olio di palma, vera e propria croce per la foresta pluviale; condizioni di lavoro eque e controlli su tutta la fase produttiva (che avviene in Germania e a Panama).
Questo brand nasce infatti proprio dal viaggio di Reinhard Krinke (fondatore di Nonique) a Panama. E' qui che scopre la pianta del Noni, i cui frutti sono ricchissimi di sostanze nutritive come la Proxeronina, vitamine, enzimi ed oligoelementi, e che decide di usarla come riferimento primario per la sua linea. 

Va detto che questo riferimento è più metaforico che reale. E' vero che l'estratto in questione, Morinda Citrifolia Fruit Extract, è contenuto in tutte le referenze del brand ma è vero anche che spesso si trova agli ultimi posti dell'inci (per cui il frutto di Noni è sì presente ma in basse quantità).

Un'altro aspetto che mi ha particolarmente colpito di quest'azienda è che si avvale di due certificazioni: BDIH e NATRUE. La differenza fra le due non è solo formale ma bensì ricade sulla formulazione del prodotto. Quando acquistate qualcosa dunque dovete fare attenzione a quale prodotto state comprando realmente. 
Mi spiego meglio, prendiamo ad esempio la crema viso anti-age. In realtà esistono due creme viso anti-age, una certificata BDIH e una certificata NATRUE. Il nome è lo stesso e il packaging molto simile, quello che cambia oltre alla certificazione è il suo inci, la certificata BDIH ha una formulazione e quella NATRUE ne ha un'altra. Ora, dato che non è il nome a fare il prodotto ma la formulazione in realtà le due creme sono effettivamente due prodotti diversi. Per cui prestate attenzione che il prodotto che state comprando sia realmente quello con la formulazione da voi desiderata. 

I prodotti si dividono in 3 linee:

  • Extreme Energy, per pelle normale
  • Intensive, per pelle secca e sensibile
  • Luxurious, linea anti-age per pelle matura
Ho ricevuto il balsamo labbra della linea Extreme Energy e la crema mani nutriente della linea Intensive, entrambi certificati NATRUE.


Balsamo mani nutriente, Intensive


Descrizione del prodotto: morbida e ricca crema, ideale per rigenerare e nutrire in profondità anche le pelli più secche. Formulato senza paraffina né siliconi, dona un nutrimento profondo e intenso svolgendo al contempo un'azione riparatrice per la pelle secca e screpolata, apportandole sollievo e morbidezza. Pur trattandosi di una crema ricca e protettiva la sua texture è di facile assorbimento.
Sostanze funzionali: olio di olivello spinoso, glicerina, burro di karité, olio di avocado, olio di oliva, frutto di Noni, aloe vera, olio di girasole, vitamina E.
InciAqua, Cetearyl Acohol, Hippophae Rhamnoides Water*, Glycerin, Isoamyl Laurate, Butyrospermum Parkii Butter*, Sorbitol, Sodium Cetearyl Sulfate, Persea Gratissima Oil*, Olea Europea Fruit Oil*, Morinda Citrifolia (Noni) Extract*, Aloe Barbadensis Leaf Juice Powder*, Helianthus Annuus Seed Oil*, Tocopherol, Benzyl Alcohol, Phytic Acid, Lactic Acid, Alcohol, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate, Limonene, Geraniol, Parfum, Citronellol, Citral, Linalool
*ingrediente di origine biologica
Prezzo: 3,49€ x 75 ml
La mia opinione: la mia opinione sul prodotto è positiva ma non entusiasta. Il packaging è molto carino e funzionale anche per esser portato in giro, l'unico punto dolente è la durezza del tappo. Da un lato è un vantaggio dato che le probabilità di un'apertura accidentale sono praticamente nulle, dall'altro però aprirlo quando se ne ha bisogno non è sempre una cosa immediata. 


La profumazione è fruttata e personalmente non mi piace, per fortuna è molto delicata e non rimane a lungo sulla pelle. La crema è fluida e si assorbe in fretta, non lasciando residui né unto.
La trovo una buonissima crema da "tutti i giorni". Lascia le mani idratate e morbide ma non ho riscontrato l'azione riparatrice intensa, se ho le mani fortemente screpolate la sua azione non è abbastanza ed ho bisogno di una crema più corposa. La trovo quindi ottima per le pelli normali, buona per le pelli secche, non sufficiente per quelle molto secche o screpolate.



Balsamo labbra, Extreme Energy


Descrizione del prodotto: balsamo labbra biologico nutriente, ideale per labbra secche e screpolate. Sulle labbra si fonde creando un velo protettivo e ricco di nutrimento.
Sostanze funzionali: olio di cocco, burro di karité, burro di cacao, cere vegetali, burro di mango, olio di Maracujia.
Inci: Cocos nucifera oil*, Butyrospermum parkii butter*, Theobroma cacao seed butter*, copernicia cerifera cera, Prunus amygdalus dulcis oil*, cetyl alcohol, glyceryl stearate, squalane, Passiflora incarnata seed oil*, Magnifera indica seed butter*, Morinda citrifolia fruit extract*, Aloe barbadensis leaf extract*, Helianthus annuus seed oil, caprylic/capric triglyceride, Citrus limon peel oil, tocopherol, Citrus grandis peel oil, Citrus aurantium dulcis peel oil expressed, citral, linalool, citronellol, geraniol.
*Proveniente da agricoltura biologica 
Prezzo: 3,49€ x 6 ml
La mia opinione: anche per questo prodotto ho trovato il packaging decisamente funzionale. Comodissimo da portare con sé grazie al tubetto rigido di piccole dimensioni, svitando il tappo si trova un erogatore obliquo che facilita l'applicazione diretta sulle labbra.



La profumazione è sempre fruttata ma decisamente più piacevole al mio naso rispetto alla crema mani. Il balsamo si presenta come una crema trasparente e una volta applicata sulle labbra le lascia luminose.



Dopo l'applicazione le labbra risultano morbide, idratate e protette a lungo. Questo prodotto mi è piaciuto molto e lo consiglio a tutte, a chi ha labbra particolarmente screpolate e secche nella versione intensiva.

Ringrazio Deborah per avermi fatto conoscere questo brand. 
Fatemi sapere se voi lo conoscete e quali prodotti avete provato.


venerdì 15 gennaio 2016

[Review] Gel esfoliante viso mandorla & zenzero La Saponaria

Oggi voglio parlarvi del gel esfoliante viso di La Saponaria


Avrei voluto scrivervi questa recensione prima di Natale trattandosi di un'edizione limitata a quel periodo ma mettiamola così: sono sicuramente puntuale per il Natale prossimo XD

Partiamo dal packaging, semplice ed essenziale: una scatolina in alluminio riciclato e riciclabile. Le informazioni sul prodotto sono riportate sul cartone che lo avvolge. La scatola si apre e chiude attraverso un tappo a vite.
Da quest'anno il packaging è cambiato. Come potete vedere è stata adottata una confezione decisamente più pratica. L'erogatore a pompetta fa sì che il prodotto non venga a contatto né con l'aria né con eventuali mani umide e questo, soprattutto con prodotti senza grandi conservanti come in questo caso, diventa fondamentale per mantenerlo bene e a lungo. Con la scatolina invece bisognava prestare molta più attenzione e il rischio era sempre dietro l'angolo, soprattutto se siete delle super sbadate come la sottoscritta.



La profumazione è fantastica! Ho sempre amato tutto ciò che odora di mandorle e devo dire che l'accoppiata con lo zenzero si rivela vincente. Riesce infatti a renderla frizzante e speziata al punto giusto.
La consistenza è quella di un gel, appunto, ma con una particolarità: al contatto con l'acqua si trasforma in un detergente dalla morbida schiuma. I granelli contenuti sono davvero fini.
Gli ingredienti principali sono le mandorle dolci, lo zenzero, il limone, la glicerina vegetale e lo zucchero di canna bio e solidale. Qui l'inci completo: Prunus amygdalus dulcis oil, Glycerin, Theobroma cacao seed butter, sucrose laurate, prunus amigdalus dulcis shell powder, saccharum officinarum powder*,  aqua, citrus limon fruit oil*, tocopherol, zingiber officinale root oil, limonene
*da agricoltura biologica


La resa sulla mia pelle è stata a dir poco soddisfacente. Ho adorato e adoro questo prodotto, per me che ho la pelle sensibile è una mano santa, riesco ad esfoliare senza aggredire ed irritare la mia pelle. L'effetto esfoliante è infatti visibile ma molto leggero, se avete pelli che necessitano di scrub dall'azione poderosa potrebbe non soddisfarvi. E' davvero delicato ma personalmente preferisco così, inoltre questa sua caratteristica lo rende adatto anche ad un uso giornaliero.
Mi piace molto il fatto di avere un prodotto 2 in 1, scrub + detergente; riesce difatti anche a pulire in modo ottimale l'epidermide. Con un solo passaggio dunque svolgo due funzioni e per la pigrona che è in me questo è un vantaggio notevole. 
Dopo l'utilizzo la mia pelle appare liscia, morbida, ben detersa e luminosa.


L'ho acquistato per il Natale 2014 e non ricordo più quanto l'ho pagato. Facendo un giro per vari e-commerce però ho visto che il suo prezzo attuale è sugli 8/9 euro a seconda del rivenditore.
Consiglio, ovviamente, il prodotto e lo ricomprerò di sicuro il prossimo Natale dato che ormai è fra i miei scrub preferiti.
Voi lo avete mai provato? Fatemi sapere come vi siete trovate.


mercoledì 18 novembre 2015

[Fai da te] Laboratorio di cosmesi naturale fai da te. La mia prima esperienza con lo spignatto!

Oggi voglio condividere con voi una bellissima esperienza. Come forse sapete ho sempre considerato lo spignatto un'arte a cui dedicarsi con cura, studio e dedizione. Non l'ho mai sottovalutato anzi, l'ho sempre considerata una cosa molto seria, da affrontare solo se adeguatamente preparati. Per questo finora non mi ero mai approcciata a questo mondo.

Fino a quando l'azienda agricola Cassani Alberto (un'azienda del mio paese attenta ai temi dell'ecosostenibilità, dell'agricoltura biologica e biodinamica) ha organizzato un laboratorio di cosmesi naturale fai da te.
Chiamo appena vedo la locandina per avere maggiori informazioni e scopro che molto probabilmente l'incontro sarebbe stato puramente teorico/visivo. A questo punto non avevo più scuse per tirarmi indietro: il posto mi era vicinissimo, organizzato da una realtà che conosco e stimo, non potevo neppure fare appello alle mie mancanze dal momento che dovevo solo andare, sedermi, ascoltare, vedere e cercare di portarmi a casa più nozioni possibili, per cui prenoto e sabato vado all'incontro.


Arrivata conosco Monica, la nostra maestra, sua figlia Beatrice e le mie compagne di corso. In tutto eravamo in 8, a mio parere il numero ideale: si è subito creato un ambiente amichevole e familiare e Monica è riuscita a seguirci tutte a dovere.
Il laboratorio è dunque cominciato con una breve introduzione teorica. Per prima cosa abbiamo affrontato le motivazioni per le quali passare all'autoproduzione. Queste motivazioni sono del tutto soggettive per cui possono essere le più svariate e tante. Fra queste possiamo trovare ad esempio la tutela della nostra salute e/o di quella dell'ambiente che ci circonda, un risparmio economico oppure ancora l'autostima e la soddisfazione del "l'ho fatto io".
Abbiamo poi intrapreso lo scottante e rivelatorio tema "inci" e l'importanza di una cosmesi consapevole ed ecosostenibile. Su questo non mi dilungo dato che è il tema principale di questo blog e di conseguenza già trattato lungamente.
Infine abbiamo affrontato la parte che personalmente ho trovato più interessante, ovvero quella conoscitiva sugli ingredienti delle ricette che avremmo visto in seguito. Ho scoperto e approfondito quindi le caratteristiche e le proprietà di burro di cacao, burro di karité, cera d'api, olio di ricino, olio di cocco, acido citrico e del bicarbonato. Grande attenzione è stata data agli oli essenziali (trattati sia in generale che nello specifico, in particolare quelli di eucalipto, menta, arancio dolce, pino, tea tree e lavanda) e ai conservanti.


A questo punto ci siamo spostati in cucina per la parte pratica. Tranquillissima che sarei stata solo a vedere scopro invece che avremmo dovuto fare noi i prodotti. Attimi di panico e terrore, ero davvero impaurita. Sono andata per ultima (e solo perché Beatrice, che ora ringrazio infinitamente, mi ha chiesto per ben due volte di provare) e seppur confortata dal fatto che c'era Monica a seguirmi pasticciona come sono temevo davvero di far danni.
Le ricette che Monica ci ha cortesemente portato erano 4 e riguardano un burro corpo solido, delle pastiglie effervescenti da usare in caso di raffreddore per suffumigi, un burro cacao labbra e un unguento/pomata balsamica. Erano tutte molto semplici, adattissime a chi come noi è alle prime armi. Ci siamo molto divertite a cimentarci in questa nuova impresa e a vedere come piccoli e semplici gesti hanno portato alla creazione di un cosmetico ben fatto e funzionale nonché bello grazie all'uso degli stampi.



Questa è la cosa che più mi ha colpito del laboratorio. L'aver realizzato che sì le mie idee erano e sono reali, non ci si improvvisa formulatori, ma che potevo e dovevo ridimensionarle. Se si rimane su cose semplici spignattare è fattibile e soddisfacente!

A fine corso ci siamo divise i nostri lavori. Io ho portato a casa il burro corpo, il burro cacao (che sto già usando e a parte la scomodità del vasetto trovo davvero buono) e una pastiglia effervescente.

Perdonate la pessima qualità della foto

L'esperienza è stata a dir poco positiva, penso proprio che avrà un seguito. Ringrazio Monica che ha saputo introdurci in questo mondo in modo semplice, divertente ed efficace. E' stato davvero piacevole spignattare insieme a lei.  


giovedì 17 settembre 2015

[Review] Shampoo volumizzante Biofficina Toscana

Come forse ricorderete a inizio estate Biofficina Toscana mi ha contattato per inviarmi due shampoo e due idrolati a mia scelta. Trovate tutti i dettagli a riguardo qui
E' arrivato il momento di parlarvi dello shampoo volumizzante. Come sempre l'aver ricevuto il prodotto gratuitamente non va ad influire in nessun modo su quanto state per leggere, è solo la mia sincera e personale opinione.


                                                                
Descrizione
Uno shampoo concentrato ricco di principi attivi con un alto potere lavante, per capelli mossi, lisci e fini. Con una particolare e mirata miscela di tensioattivi di origine vegetale, è stato formulato per un’azione protettiva-antiossidante e volumizzante. Contiene mirati estratti bio tra cui quelli agrumati dalle specifiche proprietà volumizzanti, uniti alla sinergia antiossidante Uviox®-Oleox®, da materie prime bio toscane, che protegge i capelli dallo stress ossidativo.
La sinergia Uviox®-Oleox® agisce grazie ai fenoli che si legano al capello proteggendolo dai danni UV indotti e da reazioni radicaliche dovute ad agenti naturali o chimici che attaccano il capello e lo degradano. Questa sinergia brevettata difendendo il capello da agenti esterni ne impedisce anche la perdita di brillantezza donandogli un aspetto lucido, sano e vitale.
Il prodotto è certificato ICEA, LAV, VEGAN e NICKEL TESTED.
Sostanze funzionalitensioattivi di origine vegetale; Uviox®-Oleox®; estratti biologici di arancio, limone, elicriso, ginepro e mirto.
InciAqua [Water], Lauryl glucoside, Disodium cocoamphodiacetate, Sodium cocoyl sarcosinate, Myristyl lactate, Hydrolyzed grape fruit*, Hydrolyzed olive fruit*, Citrus aurantium dulcis (Orange) flower extract*,Citrus medica limonum (Lemon) peel extract*, Helichrysum italicum extract*, Juniperus communis fruit extract*,Myrtus communis extract*, Glycerin, Tetrasodium glutamate diacetate, Benzyl alcohol, Parfum [Fragrance],Phenethyl alcohol,Propanediol, Undecyl alcohol.
*da agricoltura biologica

La mia esperienza
In un tubo in plastica rigida serigrafato con tappo a vite ad apertura a scatto troviamo il prodotto. La sua consistenza è medio-densa e la profumazione è la stessa del balsamo volumizzante: delicata e fiorita.



Come vi dicevo nell'altro post, ho scelto questo shampoo principalmente perché il balsamo della stessa linea è il mio preferito fra quelli attualmente sul mercato. I miei capelli sono tendenti al grasso e molto fini ma sono anche tanti e naturalmente mossi. Sulla carta non avrei dunque bisogno di volume, nei fatti però liscio sempre i capelli e non avendo la manualità di una parrucchiera finisco sempre per appiattirli molto per cui quello volumizzante è un effetto che mi piace cercare in un prodotto.

L'azienda consiglia di utilizzarlo diluendolo secondo le proporzioni riportate sul retro del loro spargishampoo e accompagnato dall'idrolato di salvia. Sebbene non sia solita diluire molto gli shampoo, mi son sempre limitata a bagnarli semplicemente nel palmo della mano, ho voluto seguire i loro consigli e devo dire che mi sono trovata divinamente. Mi sono regolata così: siccome la quantità di prodotto che viene fuori seguendo le indicazioni sullo spargishampoo mi sembrava troppa ho voluto dividere i numeri per tre in modo da rispettarne la proporzione ma avere una minor quantità di prodotto. In sostanza mettevo 25 ml di shampoo, 15 ml di idrolato e 40 ml di acqua per un composto totale di 80 ml. Ho calcolato, grazie alle tacche graduate sullo spargishampoo, che ne utilizzavo circa 25/30 ml a shampoo per cui il composto mi durava per 2/3 lavaggi (da due passate ciascuno). Portavo direttamente in doccia solo lo spargishampoo e quando finiva il composto lo andavo a riempire con shampoo e idrolato che tenevo invece comodamente in un mobiletto in bagno. Con questo metodo mi sono trovata molto bene per cui lo consiglio a tutte quelle che vogliono provare questo prodotto (o gli altri shampoo Biofficina). Personalmente non mi piace l'idea di lasciare un composto con tutta quell'acqua fermo per diverso tempo. L'acqua si sa, favorisce la formazione di muffe e batteri per cui riempire il flacone proprio non mi convinceva. Così facendo (dividendo per tre e considerando che lavo i capelli in media ogni 3/4 giorni) il composto mi durava per un massimo di 10 giorni, dopo essendo terminato lo rifacevo da nuovo ed ero tranquilla anche per quanto riguarda quest'aspetto.



La base lavante di questo shampoo è molto buona, pur non essendo specifico per capelli grassi non mi ha mai dato alcun problema. L'ho anche trovato delicato sulla cute. 
Alla prima passata non fa schiuma, riesco a crearla solo alla seconda. La sensazione sui capelli durante il lavaggio è di freschezza assoluta. Devo dire che mi annoda un filino i capelli ma non so se è da imputare allo shampoo o invece al mio utilizzo del beccuccio dello spargishampoo, non credevo di esser così impedita. Lo scoprirò ora che ho iniziato ad usare quello rinforzante. Nulla di tragico comunque, mi bastava applicare il balsamo per risolvere.
Dopo il risciacquo i capelli sono morbidi e vaporosi. L'effetto volumizzante l'ho riscontrato principalmente quando lasciavo i capelli mossi. Quando invece li lisciavo con la mia solita piega lo vedevo molto meno. In ogni caso non aspettatevi un effetto stile "criniera di un leone dopo una bella corsa nella savana", rimane molto naturale. 
La cosa che invece davvero mi ha colpito è la fantastica sensazione di leggerezza che regala. L'avevo già notata nel balsamo ma in combo con lo shampoo aumenta notevolmente. Per chi come me ha tanti capelli lunghi è abituato ad avvertire un certo senso di pesantezza. Con questo prodotto invece sento proprio la testa leggera, come se mi avessero tolto la metà dei capelli che ho.
Ho provato ad utilizzarlo anche senza idrolato (mettendo quindi 25 ml di shampoo e 55 ml di acqua) e anche diminuendo la diluizione. In tutti i casi il risultato è sempre stato ottimale.

Costa 7,60 € x 150 ml. Considerato il risultato di questo shampoo e la durata (due mesetti) mi sembra un buon prezzo.

Fatemi sapere le vostre considerazioni se anche voi avete provato questo o gli altri shampoo del brand.




mercoledì 9 settembre 2015

[Prima Impressione] New Glow Scrub & Radiance Face Mask, Hino Natural Skincare

Finalmente comincio a parlarvi dei prodotti Hino Natural Skincare e volevo partire dai due periodici: lo scrub e la maschera.


Non sto a dilungarmi sull'azienda dato che potete trovare tutte le informazioni a riguardo in questo post. Partiamo invece subito con la spiegazione dei prodotti.

New Glow Scrub - esfoliante viso
Descrizione: è una formulazione al 99% di derivazione naturale con ingredienti di origine biologica, contenente microgranuli ottenuti a partire dalle canne di bambù. Il loro dolce massaggio aiuta a levigare la pelle del viso, collo e décolletté rendendola setosa e vellutata, pronta a brillare nuovamente dopo il trattamento cosmetico. La sua esfoliazione delicata coadiuva il fisiologico rinnovamento della pelle, favorendo una pulizia profonda del viso che elimina le cellule morte superficiali e le impurità. 
Sostanze funzionali: il complesso Gemmalife è composto da estratti di gemme di Faggio e Ribes nero, noti per l'azione drenante, tonificante e calmante. I costituenti attivi sono i microgranuli di canna di bambù, l'alga Dunaliella salina in sinergia con l'estratto di Pino marittimo (Proantocianidine) che conferiscono a questo scrub un potere anti-ageing che aiuta la pelle a combattere i radicali liberi. Infine, l'olio di Jojoba, il burro di Karitè e gli estratti di Malva, Miglio e Aloe idratano, addolciscono, nutrono e proteggono l'epidermide, rispettandone e ricostituendone il film idrolipidico.
Inci: AQUA, GLYCINE SOJA OIL**, GLYCERYL STEARATE SE*, GLYCERIN*, CETEARYL ALCOHOL*, BUTYROSPERMUM PARKII BUTTER**, SIMMONDSIA CHINENSIS SEED OIL**, BAMBUSA ARUNDINACEA STEM EXTRACT*, ETHYLHEXYL PALMITATE*, MALVA SYLVESTRIS FLOWER/LEAF EXTRACT**, TOCOPHEROL*, COCAMIDOPROPYL BETAINE*, CITRIC ACID, PANICUM MILIACEUM EXTRACT**, ALOE BARBADENSIS LEAF JUICE**, LAURYL GLUCOSIDE*, POTASSIUM ASCORBYL TOCOPHERYL PHOSPHATE, FAGUS SYLVATICA BUD EXTRACT**, PINUS PINASTER EXTRACT*, RIBES NIGRUM BUD EXTRACT**, ALGAE EXTRACT*,  PARFUM*, LONICERA CAPRIFOLIUM EXTRACT*, LONICERA JAPONICA EXTRACT*, BENZYL ALCOHOL, DEHYDROACETIC ACID, SODIUM BENZOATE, POTASSIUM SORBATE, LIMONENE°
*Materia prima di origine naturale **Materia prima biologica certificata °Naturalmente presente nella fragranza

Si presenta come una morbida e bianca crema che applico con movimenti circolari sulla pelle del viso. Questo scrub mi aveva colpito fin dalla prova effettuata durante l'evento conoscitivo dell'azienda e devo dire che i campioncini da me provati hanno confermato questa prima impressione positiva.
Avendo una pelle delicata e con couperose lo scrub era un trattamento che evitavo sempre. Poi Bernadet Lollo, Beauty Esthetic Consultant del brand, mi ha spiegato l'importanza di questo passaggio. Per avere buoni risultati e permettere un'adeguata ossigenazione dei tessuti nonché aiutare la pelle ad assorbire in modo efficace tutti gli attivi presenti nei vari cosmetici che utilizziamo è necessario rimuovere le cellule morte, le impurità, le particelle di smog, i corneociti ed il sebo stratificato, eventuali residui di make-up ecc. che stratificano sulla pelle. Mi ha rassicurato che New Glow Scrub avrebbe saputo darmi questa pulizia profonda rispettando la delicatezza e la sensibilità della mia pelle. Un po' scettica ma incuriosita accettai quindi il trattamento e al termine fui sorpresa di vedere che la mia pelle non presentava nessun rossore.
Nelle mie applicazioni successive ho continuato a constatare questa sua delicatezza: dopo l'utilizzo la pelle risulta luminosa, liscia e morbida, direi rigenerata, per nulla arrossata.
Come la maggior parte dei prodotti Hino ha una deliziosa profumazione fruttata, da "prodotto professionale".


Radiance Face Mask - maschera viso purificante
Descrizione: è una formulazione al 99% di derivazione naturale con ingredienti di origine biologica. Il suo obiettivo è contrastare il colorito spento tipico della pelle affaticata da inquinamento e stress. Utilizza attivi di supporto per liberare la pelle da tossine e impurità, affinare i pori, purificare a fondo la pelle e donare nuova luce e freschezza al viso in modo efficace ma delicato.
Sostanze funzionali: grazie al potere assorbente del Caolino facilita la rimozione delle impurità e uniforma la grana della pelle mantenendo inalterato il film idrolipidico. La miscela Gemmalife è ottenuta a partire dagli estratti di gemme di Abete bianco e Faggio, noti per la loro azione rimineralizzante e tonificante. La miscela di Resveratrolo, Vitamina A ed E, estratto di alga Dunaliella salina e Tè verde dona alla formulazione le proprietà anti-ageing necessarie per ostacolare l'invecchiamento cutaneo. Le note emollienti ed addolcenti degli estratti di Miglio e Fico contribuiscono a dare immediato comfort alla pelle.
Inci: AQUA, KAOLIN*, OLEA EUROPAEA FRUIT OIL**, GLYCERYL STEARATE SE*, CETEARYL ALCOHOL*, GLYCERIN*, SIMMONDSIA CHINENSIS SEED OIL**, CETYL ETHYLHEXANOATE*, OLEA EUROPAEA OIL UNSAPONIFIABLES*, CITRUS AURANTIUM DULCIS PEEL EXTRACT**, CERA ALBA*, TOCOPHEROL*, BUTYROSPERMUM PARKII BUTTER**, CITRIC ACID, XANTHAN GUM*, MAGNESIUM ALUMINUM SILICATE*, RESVERATROL*, RETINYL PALMITATE, HELIANTHUS ANNUUS SEED OIL*, FICUS CARICA FRUIT/LEAF EXTRACT*, PANICUM MILIACEUM EXTRACT**, CAMELLIA SINENSIS LEAF EXTRACT**, ABIES PECTINATA BUD EXTRACT**, FAGUS SYLVATICA BUD EXTRACT**, ALGAE EXTRACT*, PARFUM*, LONICERA JAPONICA EXTRACT*, LONICERA CAPRIFOLIUM EXTRACT*, BENZYL ALCOHOL, DEHYDROACETIC ACID, SODIUM BENZOATE, POTASSIUM SORBATE, LINALOOL°, LIMONENE°, GERANIOL°
*Materia prima di origine naturale **Materia prima biologica certificata °Naturalmente presente nella fragranza

La maschera, dal color verdino, ha una consistenza corposa. Contenendo argilla tende a seccarsi leggermente sulla pelle, per evitare ciò ne applico uno strato abbondante. La tengo in posa 10 minuti e poi la risciacquo con acqua tiepida aiutandomi con una spugnetta morbida. Non avendo una pelle impura non sono la persona più adatta a dirvi se è un prodotto efficace per questa tipologia, l'ho provata però sui brufoletti pre-ciclo e l'utilizzo di questa maschera me li ha seccati, rendendoli meno visibili.
Dopo l'uso la pelle risulta compatta e levigata, con pori meno evidenti, morbida ed idratata anche senza crema.



Entrambi i prodotti hanno un prezzo di 26 euro. Comprerei senza ombra di dubbio lo scrub, finalmente un prodotto di questo genere efficace e delicato, adatto alla mia pelle sensibile. La maschera invece, seppur mi è piaciuta, non è specifica per il mio tipo di pelle. Credo sia più adatta ad una pelle mista, grassa e/o impura per cui non la acquisterò.


giovedì 3 settembre 2015

[Review] Crema solare 50+ Green Energy Organics

Ogni estate ci troviamo davanti alla stessa domanda: quale solare ci accompagnerà durante le vacanze?
Quest'anno la mia scelta è ricaduta sulla crema solare anti-age 50 + di Green Energy Organics.



Devo esser sincera, non avevo programmato di acquistare questo solare. 
Nonostante mi sono trovata benissimo con quelli usati in passato (Fitocose e Alkemilla Natural Sun) avevo voglia di provare qualcosa di nuovo. Sono andata quindi da Thymiama Bioprofumeria Milano con l'intenzione di prendere il solare Bioearth ma una volta arrivata ho scoperto che la cara Elena lo aveva finito per cui ho optato per questo di Green Energy Organics.

Raccomandato per tutti i tipi di pelle anche le più sensibili è, cito dalla confezione, "un prodigioso trattamento solare alle cellule madri vegetali, straordinariamente ricche di molecole catalizzatrici di giovinezza, in grado di stimolare, rinnovare e apportare alla pelle l'energia vitale necessaria a combattere i segni del tempo in quattro azioni sinergiche. Leggera e non grassa favorisce un'abbronzatura luminosa, uniforme e duratura. Assicura una perfetta protezione solare UVA. 100% made in Italy e garantito vegan".
L'inci è il seguente: Aqua (Water), Titanium Dioxide / Ci 77891, Stearic Acid, Cetyl Alcohol, Caprylic/Capric Triglyceride, Polyhydroxy Stearic Acid, Aluminium Stearate, Aluminia, Zinc Oxide, Prunus Amygdalus Dulcis (Sweet Almond) Oil*, Butyrospermum Parkii (Shea) Butter*, Ribes Nigrum (Black Currant) Fruit Extract, Saccharomyces/Camellia Sinensis Leaf/Origanum Majorana Leaf Extract /Hippophae Rhamnoides Fruit/Ribes Grossularia (Rubus Chamaemorus) Fruit Ferment Extract, Glycerin, Hydroxyethylcellulose, Parfum/Fragrance, DehydroaCetic Acid, Potassium Sorbate. * da agricoltura biologica
E' un solare a filtro fisico, non in forma nano.

All'interno di una confezione in cartone riportante tutte le informazioni necessarie troviamo il flacone con la crema.


In plastica morbida e con tappo ad apertura a scatto, il packaging è davvero carino ed estivo. Personalmente ho trovato un po' scomoda la fuoriuscita del prodotto, ma nulla di particolarmente problematico. 


La crema è fluida e di colore bianco. Una delle cose che più mi è piaciuta è la sua profumazione: è davvero delicata e sa di pulito. Rimane leggermente sulla pelle anche dopo l'applicazione.
Avete presente i disguidi dati dai solari a filtro fisico? Bassa spalmabilità, scia bianca, sensazione pesante sulla pelle....ecco, incredibile ma vero questa crema non li presenta! Si assorbe che è una meraviglia, non lascia scia bianca e una volta asciugata non la si sente minimamente, è come non averla messa. Non mi ha fatto né sudare né altro. E' talmente atipico che ho scritto un'e-mail all'azienda chiedendo conferma del fatto che il filtro utilizzato fosse solo fisico e non in forma nano, non mi sembrava possibile la cosa. Questo è senz'altro un grossissimo punto a favore di questo solare.
Una volta applicato la pelle risulta morbida, idratata, asciutta e luminosa.



Essendo un fototipo 2 non sono solita abbronzarmi e se prendo colore divento rossa per poi tornare subito bianca. Con questa crema invece sono diventata marroncina e in tempi brevi. L'abbronzatura è risultata uniforme e duratura, ancora adesso il segno del costume è bello evidente. Purtroppo però mi è venuto un fastidiosissimo eritema su pancia e schiena. Non ne ho mai sofferto, era la prima volta che mi capitava e temo sia stata questa crema a non proteggermi adeguatamente.
Dopo una cura a base di una crema medicinale e due giorni "coperta" sono tornata in spiaggia dopo aver fatto scambio di solare con mia madre, io ho usato la sua Fitocose (che mi ha letteralmente salvato il resto della vacanza, ha saputo proteggere al meglio anche le zone colpite dall'eritema) e lei questa crema. Su di lei, fototipo 3, non ha dato nessun problema.

Riassumendo, 

non ricomprerò questo solare (il prezzo è di 18 euro x 150 ml; non è sicuramente a buon mercato ma considerando la sua resa a mio avviso li vale) per via della brutta esperienza con l'eritema. Sebbene non abbia la certezza che sia colpa sua, non avendone mai sofferto ed essendo l'unica cosa nuova non sono tranquilla nell'usarlo ancora. Non mi sento però di sconsigliarlo perché a parte la mia spiacevole esperienza (del tutto personale, ripeto mia madre non ha avuto problemi) lo considero davvero un buon prodotto.

  • Pro:
    pur essendo a filtro fisico non lascia scia bianca, si assorbe in fretta e rimane leggero sulla pelle;
    emula alla perfezione la resa dei filtri chimici;
    illumina ed idrata bene la pelle;
    ha un profumo delizioso;
    è adatto sia per il corpo che per il viso e dato che lascia la pelle asciutta può essere usato anche in città o come base per il trucco;
    regala un'abbronzatura intensa, uniforme e duratura.
  • Contro:
    la fuoriuscita del prodotto è un po' scomoda;
    a causa della mia esperienza non lo consiglio a chi soffre di eritema, ha una pelle particolarmente sensibile al sole o è un fototipo inferiore al 3.
Fatemi sapere se anche voi avete provato questo prodotto come vi siete trovati.


 

Copyright @ 2013 Breakfast at Lily's.